Miii… il mio servizio di hosting preferitooo!

Il servizio di hosting sta al marketer online come la stalla sta all’allevatore di bestiame. Puoi guadagnare anche senza, ma è molto, molto più difficile. La cosa strana è che su questo servizio essenziale si raccontano le storie più incredibili. Ma non starò a farvi tanta teoria…

Un servizio di hosting ammericà de kansas siti (ma… in Europa!)

Grandissima premessa: non sono un tecnico – anche se molti anni fa ho anche fatto il programmatore – quindi non so disquisire dottamente sui meriti dell’hosting in Italia VS l’hosting negli USA. Sui PING e sugli IP.

Ma sono un internet marketer, sono 11 anni che uso hosting e li uso praticamente ogni giorno. Quindi vi consiglierò quello che uso io, sperimentato con enorme soddisfazione ormai da quasi 2 anni.

Da quando bazzico su Internet facendo siti ho sempre avuto per lo più hosting made in USA. Perchè? Per due motivi:

  1. Perché il rapporto qualità/prezzo è imbattibile
  2. Perché ti danno funzionalità che qui ti sogni
  3. Perché non devo trattare con i tecnici italiani

Ci sarebbe solo un piccolo svantaggio: in teoria un hosting basato in USA, se avete un sito rivolto agli italiani è più lento di un hosting basato in Europa. Questo è tuttavia vero solo se si paragonano centri server di prestazioni analoghe. In realtà i centri server in Italia sono mediamente più piccoli e limitati di quelli degli hosting stranieri. Il motivo è semplice e non risolvibile: i centri server stranieri possono spendere di più perché hanno molti più clienti rispetto ai centri server made in Italy.

L’ideale quindi è trovare un hosting che offra le prestazioni e funzionalità (e il servizio, ne parlo più sotto) di un hosting “made in USA” ma con un centro server in Europa.

Qualche anno fa era una chimera, oggi è possibile.

Infatti l’ho trovato e sono non contento… contentissimo.

Prestazioni mostruose, prezzi ridicoli

Con il server che uso partite da 102 Euro all’anno per un signor hosting con tutte le funzionalità che potete desiderare e… centro server in EUROPA!

Non potete trovare offerte paragonabili in Italia. Come ho detto il perché è banalmente semplice: in USA/mondo il mercato è enormemente più grande, i costi di connettività sono più bassi quindi a parità di soldi avete molto di più.

In questi 17 anni di siti Internet ho usato anche hosting che costavano come un panino e una birra e sembravano anche funzionare bene (funzionalità analoghe). Peccato che un sito mi è morto per troppo traffico mentre stavo vendendo un seminario. Se non avete mai provato a sostituire in corsa (per modo di dire) un hosting con un altro non avete provato una delle cose mostruose della vita.

CPANEL e Softaculous: non potrete farne a meno

La prima parola magica è CPANEL. Richiedete un hosting con CPANEL perchè è un’interfaccia di gestione facilissima da usare anche per chi parla l’inglese come Alberto Sordi. E soprattutto con CPANEL avete Softaculous (precedentemente era chiamato Fantastico), la seconda parola magica.

Softaculous è il sistema per installare WordPress con 2 click, tanto per capirci. Proprio oggi un amico mi ha chiesto: “Senti, non mi funziona WordPress, eppure ho fatto l’installazione giusta…”. “Guarda non ho idea, io installo WordPress con due click con Softaculous”.

Softaculous. Un must per ogni Internet marketer che abbia rispetto di sé e del suo tempo.

Tecnici italiani, se li conosci, li eviti

Messaggio a tutti i tecnici che stanno leggendo questo articolo. E’ una cazzata fare di ogni erba un fascio e generalizzare. Il vostro mestiere è complicato e in genere i clienti non capiscono niente. E probabilmente siete pignoli come quelli stranieri, né più, né meno.

Però, per mia esperienza, vi frega l’atteggiamento:

  • Il tecnico italiano vuole innanzitutto ribadire chi è che comanda e che sa tutto, risolvere il problema non è prioritario
  • Il tecnico straniero, generalmente un indiano pagato 10 dollari al giorno, vuole innanzitutto levarti dalle palle risolvendo il problema

Credo veramente che sia una differenza culturale. La cultura anglosassone tendenzialmente ti lascia cuocere nel tuo brodo. “Vuoi usare quello script che si incasina? Fallo a tuo rischio e pericolo”. La cultura italiana invece è “materna”. “No, dai, non usare quello script, è per il tuo bene.” “Ma a me serve” “Niente da fare, non lo puoi usare, credimi è meglio”. Quindi i tecnici italiani e i servizi di hosting italiani sono pensati in questo modo: materno.

Una gran rottura di palle per chi sa cosa sta facendo o anche se non lo sa, sono affari suoi.

Quando ho dovuto usare hosting italiani (per i miei rari domini .IT) è sempre stato un incubo e sono profondamente addolorato delle cose che ho detto (in cuor mio) sulle mamme dei tecnici con cui ho avuto a che fare. Le ho dette talvolta anche ai tecnici stranieri, ma questi hanno risolto, mentre con i primi ho sempre perso io.

Il mio consiglio di Internet Marketer non tecnico (ma neanche analfabeta): prendetevi un servizio hosting negli USA.

SiteGround, il mio servizio di hosting preferito

Dopo aver usato per molti anni l’hosting Lunarpages mi sono dovuto arrendere al peggioramento delle prestazioni (hanno venduto). Ho voluto testare altri 5 hosting (tra i quali il famoso Hostgator che, insomma…), ma alla fine ho scelto un hosting che si staccava nettamente da tutti gli altri per queste caratteristiche:

  • centro server in USA, Europa e Asia
  • CPanel pazzescamente completo, più di qualsiasi altro hosting che ho testato
  • pannello di controllo dell’hosting molto facile da usare… tutto qui e’ fatto bene
  • supporto superveloce, supergentile, supercompetente, via chat o ticket e 24/7 (sempre!)
  • ottimizzazione per WordPress (io ormai uso solo WordPress per tutti i siti)
  • possibilita’ di crescere con soluzioni server più grosse
  • e naturalmente… a prezzi veramente accessibili (guarda)

Il servizio di hosting che uso oggi per la maggior parte dei miei business Internet (alcuni non li ho ancora spostati, per altri uso un altro hosting più costoso) è SiteGround Hosting.

Ho iniziato con GrowBig ma sono passato a GoGeeks perchè mi permetteva di avere una funzionalità che mi serviva (ma magari a te non è necessaria). Anche comunque la versione più costosa è decisamente accessibile (circa 200 euro all’anno).

Oltre al fatto che puoi avere un server in Europa, oltre alla qualità del servizio, dell’interfaccia e dei servizi aggiuntivi (e l’ottimizzazione WordPress, credetemi che ne vale la pena) SiteGround offre le classiche (per gli hosting fuori dall’Italia) funzionalità:

  • PhP (il linguaggio standard per i siti applicazioni come WordPress)
  • database SQL (indispensabili per tutte le applicazioni PHP)
  • domini add-on illimitati (quindi non occorre avere un hosting per ogni dominio, una manna per me che ne ho decine)
  • CPANEL (il modo facile di gestire un hosting)
  • Softaculous (installare tutte le applicazioni come blog o forum o carrelli con un click)
  • gestione email e forwarders

E appunto anche altre cose che non offrono tutti, come CloudFlare compresa nel prezzo (per proteggere il tuo sito dagli hacker), backup giornaliero, 99,9% di uptime (sito che funziona quindi sempre) e tante altre cose che potete leggere sul sito.

Quindi se state valutando un hosting, se state magari ancora a incasinarvi con hosting gratuiti o con soluzioni italiane limitate, fate il salto su un hosting USA… con server in Europa (il meglio).

Con SiteGround spendete come per 2 ricariche del cellulare e avete un signor hosting per tutti i vostri online business di oggi e di domani! (e se non vi basta, ne prendete un altro)

Hosting SiteGround – scopri l’hosting con prestazioni USA e server in Europa
This entry was posted in Tool. Bookmark the permalink.

23 Responses to Miii… il mio servizio di hosting preferitooo!

  1. Bira says:

    Grande Marco! E bentornato.

    Fa sempre piacere avere un fratello maggiore, auterevole e fidato che sappia dispensare dei buoni consigli. Ben venga poi il business… dovrebbe essere sempre così.

    Arricchirsi arricchendo la vita degli altri. Questa è la via.

    Auguroni fratello.

  2. Fabio says:

    Ciao Marco,
    complimenti per il bel lavoro che stai facendo…
    Volevo segnalarti che il link al servizio di hosting bordato di verde posto in fondo all’articolo è sbagliato 🙂
    Continua così….

  3. imimaster says:

    Ragazzi, grazie delle parole di incoraggiamento! Sono veramente preziose.
    Grazie Fabio per l’errore che mi hai segnalato e che ho corretto. Dopo 12 ore di lavoro quell’url mi e’ venuta male.

    Stanotte uno degli amici di Internet Money Italia mi ha chiesto spiegazioni in diretta per acquistare un hosting Lunarpages. Questo mi ha fatto venire in mente una cosettina che vorrei aggiungere: dei video di spiegazione. Magari oggi (venerdi’ che sono pigro) e’ la cosa giusta da fare.

  4. Roberto says:

    Bentornato Marco, si sentiva la tua mancanza, anche perchè leggere i tuoi post è sempre fonte di grande ispirazione.
    Il servizio fornito da LUNARPAGES è senz altro ottimo, volevo però segnalare THINKHOST, un’altra company americana che per $ 7,95 al mese oltre a dare tutto quello che si può desiderare in termini di hosting professionale, ha la peculiarità che tutta l’energia utilizzata per alimentare i propri server deriva da fonti di energia pulita e rinnovabile (vento e sole).
    Troooooppo eco-friendly questi americani 😉

  5. Ciao Marco,
    un altro fantastico servizio è fastdomain.com

    Non potrei più farne a meno!

  6. Luciano says:

    Ciao Marco anche se io sono un principiante con la P maiuscola sento che è tutto maledettamente vero ed anche se sono agli antipodi rispetto a molti altri il giorno che avrò bisogno di un servizio hosting userò sicuramente LunarPages.
    Un’appunto i video ci mettono una vita a caricarsi e non partono inoltre non si sente nulla sempre che ci sia in sottofondo la spiegazione.
    Grazie

  7. imimaster says:

    Ciao, ho controllato, ma a me partono subito e l’audio si sente bene. Magari era una cosa momentanea, magari la tua connessione. Misteri di Internet.
    Grazie per il feedback.

  8. Orso says:

    Grande Marco!
    Ottime informazioni e… “illimitata” chiarezza! 🙂
    Orso

  9. Rosy says:

    Molto interessante questo articolo. E utilissimi i video! Molto apprezzato il commento sui Webmaster!

  10. imimaster says:

    Grazie Rosy per il feedback. Ne ho approfittato per aggiornare un minimo la recensione (non c’e’ piu’ l’offerta Autunno, ora il prezzo e’ diventato quello standard per la versione base).

    Fa sempre piacere ricevere feedback, grazie ancora e a presto! Continua a seguire Internet Money Italia 🙂

    M

  11. cristian says:

    A quanto pare Lunarpages è proprio “fantastico”!

    Dimmi un’ultima cosa:

    Per aggiungere un “Addon Domain” si paga un extra o è gratis?

    Ciao e grazie dei consigli

  12. imimaster says:

    Ciao, paghi il costo del dominio (che registri da un’altra parte, es: GoDaddy), non paghi per l’hosting dell’add-on domain.

    Marco

  13. Ciao Marco,
    ho apprezzato molto la tua spiegazione accurata,
    ed è sempre un bel piacere ricevere tue news! 🙂

    This is a Fantastic idea but, I have a Big Question:

    Posso trasferire il mio dominio acquistato da Blogger ed inserirlo su Lunarpages?
    Se sì, quali i passi?

    A risentirci… al più presto.

    Mary B .

    • imimaster says:

      Quando hai acquistato un dominio, questo dominio avra’ anche dei nameserver che permettono che il tuo dominio corrisponda al tuo sito.
      Quando metti il sito da un’altra parte, devi semplicemente cambiare i nameserver. E’ la stessa cosa che fai quando cambi casa, hai un’altro indirizzo che devi comunicare a chi ti vuole scrivere.

      Quando acquisti l’hosting da Lunarpages, ti arrivera’ un’email con le istruzioni e anche le informazioni per cambiare i nameserver.
      Quindi vai sul pannello di controllo che gestisce il dominio su Blogger e metti i nameserver che ti indichera’ Lunarpages (variano a seconda del server che usi, ne hanno centinaia). Entro 24-48 ore il tuo dominio non mostra piu’ la pagina che e’ su Blogger, ma la pagina che e’ su Lunarpages.

  14. Wow!
    Thanks Mark, in the virtual world there are rooms, geeks and still brooms?
    Sorry, but I don’t know who is Elio?
    Maybe, Elio & the history tenses?
    What says Elio???

    Se Fantastico è proprio così Fantastico…lo compro!
    🙂 🙂 🙂

    • imimaster says:

      Sei forte. Si, Fantastico e’ proprio cosi’ fantastico. Vince… Vince… Vince, l’italiano vince.

  15. Ciao !! Be’ ogni articolo che leggo imparo sempre cose Nuove !! Il bello che sono tutte, dico Tutte, utilissime !! Mi raccomando continua così !!

  16. Marco says:

    Ciao Marco,

    Grazie della dritta. c’è solo un problema, che ora il servizio hosting di cui hai parlato nell’articolo costa molto di più . E’ un vero peccato. Comunque sarebbe meglio, se vuoi, aggiornare questo articolo, se non uno va a vuoto sul sito dell’host, per trovarsi l’attuale prezzo base di 19,90 dollari al mese.

  17. Thank you, this can be worthwhile. I think Now i am lastly receiving my private thoughts about all this!

  18. Wait around a single minute! We’ve some issue vital which you may just like

  19. Angela says:

    ok

  20. Simone says:

    Ciao Marco, ma per quanto riguarda gli autorisponditori, tu quale preferisci tra getresponse e aweber?….

Scrivi il tuo commento, mi interessa!