La ragione n°1 che impedisce alle persone di fare il primo euro sul web

Ecco i 4 ostacoli che ti impediscono di guadagnare online

Ecco i 4 ostacoli che ti impediscono di guadagnare online

E’ con gran piacere che propongo – oggi e domani – un articolo in 2 puntate di Valerio Conti, che ha già scritto su Internet Money Italia portando sempre informazioni utili e interessanti.

Personalmente, imparo sempre leggendo gli articoli di Valerio, i suoi report gratuiti – ce n’è uno per te da scaricare alla fine di questo articolo – e i suoi infoprodotti.

Nell’articolo di oggi e in quello di domani, Valerio parla di un modo tutto differente che lui usa (e insegna) per guadagnare rapidamente con gli infoprodotti. Ma in maniera quasi opposta rispetto alle strategie classiche che troppi internet marketer italiani ripropongono pari pari dagli USA. – Marco De Veglia

Articolo di Valerio Conti

Sappi questo: guadagnare denaro online è semplice.
Allora perchè la maggior parte di noi non riesce a fare nemmeno 4 spiccioli?

Semplice: perchè lo abbiamo reso un gioco “complicato”.

O forse dovremmo dire “lo hanno reso…”

In tutta onestà, se tu impari a riconoscere e poi abbattere i principali ostacoli che ti impediscono di fare il tuo primo euro online, io ti garantisco che riuscire a fare una vita dignitosa grazie alla rete sarà una condizione che arriverà automaticamente.

I 4 principali ostacoli che ti impediscono di prosperare online sono:

  1. La totale assenza di scopo
  2. Il bisogno di rendere le cose complicate
  3. Il desiderio di cacciare i fantasmi
  4. Stare nel reame della “Sfera Cosciente”

Adesso ti illustrerò dettagliatamente ognuno di questi problemi, e come risolverli per riuscire finalmente a creare denaro dal web.

1. La totale assenza di scopo

Nei mesi scorsi ho fatto parecchi coaching e consulenze individuali con centinaia di aspiranti marketer che stanno cercando di capire come unire i puntini nell’ardua impresa della “monetizzazione online”.

Senza alcun dubbio, la più grande differenza tra coloro che riescono ad avere successo e coloro che non ce la fanno è lo scopo.

Ecco come inizia una tipica conversazione via skype con un aspirante marketer, già condannato a diventare un fallito:

Io: “Allora cosa hai fatto ultimamente per fare soldi online?”

Lui: Vediamo, 1 mese fa ho comprato una guida su Adsense, ho provato per una settimana. Ma se devo dirti la verità, sto ancora avendo problemi, però sto anche preparando il sito per lanciare 2 ebook con diritti di rivendita che ho acquistato proprio 3 giorni fa in 2 nicchie diverse. Ah…poi volevo chiederti, ho sentito parlare di questa tecnica per raggiungere le piccole imprese e farsi pagare per consulenze di marketing, ho intenzione di provare anche questo.

Vuoi guadagnare denaro online?

Seleziona un singolo unico sistema e portarlo avanti senza fermarti. Persevera. Resta focalizzato come un laser solo su quello. Fine.

L’unica cosa che devi fare è portare a termine soltanto quelle specifiche azioni che ti aiutano a migliorare quell’unico sistema, quell’unico modello di business su cui stai lavorando, in maniera da non indebolire il tuo focus.

E tra poco ti insegnerò a fare proprio questo, ma adesso veniamo al secondo ostacolo.

2. Il bisogno di rendere le cose complicate

Lo sapevi che ci sono un milione di tecniche diverse soltanto per scrivere un semplice titolo di articolo, una headline per sales letter?

Sai quante teniche uso quando creo una headline per le mie squeeze page? Solo 3!

Mi limito a usare le 3 migliori che conosco. Questo è il mio approccio.

Se la headline non funziona, allora la cambierò dopo averla testata. Semplice.

In questo modo posso scrivere una headline in un minuto. E la maggior parte delle volte funziona.

La realtà è che ho un approccio semplice per quasi tutto nel mio lavoro. E se trovo qualcosa di complicato, lo riduco fino ai suoi elementi più semplici. Il mio obiettivo nel business è quello di avere meno scelte possibili.

L’idea è di creare un modo per limitare le tue scelte, in maniera da far restare a galla solo 3-4 variabili, quelle che funzionano e a cui farai riferimento sempre.

Ho intenzione di mostrarti come farlo più avanti in questa lettera. Ma veniamo al terzo problema…

3. Il desiderio di cacciare i fantasmi

Molti aspiranti Internet marketer sono dei “cercatori di tesoro”. Sono sempre alla ricerca di sistemi “miracolosi” che consentano loro di “fare i milioni stando comodamente seduti al cesso”. E così, quando questi sistemi non funzionano, cercano altre incredibili tecniche …e poi un’altra … e un’altra …fino allo sfinimento e alla resa.

Se usassero tutto quell’impegno e almeno lo stesso sforzo nel tentativo di costruire un business in maniera ragionevole, con un attimo di pianificazione e intelligenza avrebbero certamente iniziato a fare davvero soldi!

Questi esaltati sono ossessionati dall’idea di diventare milionari da un giorno all’altro. Ma questo non succede! Passano tutto il loro tempo a cacciare fantasmi, quando potrebbero scomporre il loro obiettivo finale in compiti molto più piccoli e gestibili.

In questo modo porterebbero a termine ogni singolo “task” seguendo un “metodo” e una pianificazione, in maniera da avvicinarsi sempre più rapidamente alla meta finale… e con meno sforzo.
Non sarebbe meglio avere un sistema del genere?

Ad ogni modo, anche se tu superassi tutti e 3 gli ostacoli precedenti, tutto questo non ti sarà servito a nulla se non affronti l’ultimo, il quarto ostacolo, (il piu temibile)

4. Stare nel reame della “Sfera Cosciente”

La tua mente conscia fa schifo.

Pensa a qualsiasi nuova abilità hai dovuto imparare consapevolmente. Quando hai imparato a guidare per la prima volta è stato imbarazzante. Dovevi tenere a mente le marce, fare attenzione a cosa facevano i tuoi piedi e guardare la strada.

Troppo per elaborare tutto in una volta!

Chiunque ha grandi difficoltà all’inizio. Si arriva a pensare che sia IMPOSSIBILE riuscire a guidare.

Poi, dopo mesi di pratica, ti accorgi che le elaborate operazioni piano piano diventano più facili, fino a che non si attiva il pilota automatico (cioè entra in azione la mente inconscia), ed ecco perchè puoi fare attenzione alla strada, mangiare un panino e parlare anche al telefono contemporaneamente.

Molte persone continuano a far funzionare il loro business online consapevolmente. Questo è troppo difficile. E’ meglio creare sistemi che consentono di utilizzare il minor sforzo consapevole possibile.

Questo intendo: sistemizzare ogni cosa.

Un sistema che funziona per guadagnare online in Italia con gli infoprodotti

Non c’è una sola azione, tra tutte le cose che pianifico ogni giorno, che non sia ottimizzata, che non sia il modo “migliore” per fare una certa cosa. Ma a differenza di quello che potresti pensare io non sono un perfezionista. Ho sviluppato una tolleranza al fallimento e preferisco che una cosa mi venga “abbastanza bene” piuttosto che ostinarmi a renderla perfetta.

La cosa fantastica è che posso creare sistemi “buoni abbastanza” in 1/10 del tempo rispetto a quanto ci vorrebbe per creare “il miglior sistema possibile”, e cosa non meno importante, mi richiede solo 1/100 della fatica.

I sistemi permettono di andare con il pilota automatico, che è tutto quello che ti serve quando parti con un business online. L’unica cosa di cui si dovrebbe davvero occupare la tua mente cosciente è il successivo piano di marketing, quando il tuo primo sistema è completamente andato su pilota automatico.

A quel punto la tua mente cosciente potrà pensare come creare un altro sistema per incrementare i profitti ed espandere il business, progettando e lanciando nuovi infoprodotti in altre nicchie, nuove brand, e nuove innovazioni.

Per imparare come fare tutto questo, e ottenere strumenti operativi che ti consentono di generare rendite d’emergenza online in tempi ragionevoli visita subito il link qui sotto:

Leggi il Super Report Blueprint ››

Domani, nella seconda parte di questo articolo andremo nel vivo del sistema che uso io con successo per gli infoprodotti in Italia (totalmente diverso da quanto viene spesso consigliato dagli “esperti”).

In ogni caso, nel report gratuito trovi tutti i dettagli e le spiegazioni. Scaricalo ora.

Valerio Conti è un italiano che ha deciso di vivere di Internet. Per sapere di più sui suoi metodi e risultati e ricevere il suo ebook gratuito “Strategie d’assalto per guadagnare online” vai su www.valerioconti.com
This entry was posted in COME fare, Infoprodotti, Valerio Conti. Bookmark the permalink.

12 Responses to La ragione n°1 che impedisce alle persone di fare il primo euro sul web

  1. Andrea says:

    Condivido il contenuto dell’articolo: concentrazione (focus), semplicità e perseveranza producono risultati al di fuori di internet, quindi perché in rete dovrebbe essere diverso? Non sono forse le stesse persone “reali” che navigano? Probabilmente offline potevano funzionare anche altre “strategie”, ma sono convinto nell’esprimere questo in forma condizionale e al passato. Il vantaggio di internet credo sia nella velocità, almeno 3 volte superiore alla costruzione dello stesso business offline. Lascio con un feedback positivo su Valerio Conti, sono stato cliente e segnalo la sua capacità di sintesi nel fornire informazioni di vero valore (così come il proprietario di questo blog, che a mio parere è un punto di riferimento nazionale per imprenditori di qualsiasi tipo, sia dentro che fuori la rete). Grazie a entrambi per il contributo formativo che mi avete dato, oggi ne raccolgo i frutti! (purtroppo non ancora come vorrei online, ma offline, nonostante il periodo economico sfavorevole, devo dire che le vostre strategie sono davvero efficaci!).

    • imimaster says:

      Andrea, grazie a te di cuore per questo bel feedback. Anch’io stimo molto Valerio e quando mi mostra le sue cose trovo sempre spunti originali e intelligenti e lo raccomando a tutti.

    • Valerio says:

      grazie per la sincerità Andrea, confermo che Marco è un punto fermo per molti, e lo è anche per me. Parlando di focus e ricerca della semplicità è un grande problema che affligge il navigatore medio online, molto più di quanto accada nella vita offline. Questo accade anche per via della natura del web (molto dispersiva e ricca di distrazioni)

  2. Matteo says:

    Sempre ottimi i tuoi articoli mà! Senza peli sulla lingua (anche se mi stai sulla minchia perché mi hai cancellato tra gli amici di facebook ahaha).

    Matteo

    • Valerio says:

      Matteo in realtà non ho cancellato NESSUNO. La verità è che ho cancellato…
      FACEBOOK!

      Ma forse non te ne sei accorto, ne ho parlato 6 mesi fa in un passo della mia newsletter. Non pensavo che qualcuno si offendesse. Se vuoi seguirmi mi trovi su twitter e google plus

      Un saluto cordiale

  3. giorgio says:

    che dire valerio….sei veramente il numero 1, il migliore !!

  4. Giovanni Gaglia says:

    E’ tutto molto interessante!
    Adesso devo riuscire ad assimilare i vari passi del metodo.
    E poi ad applicarli!
    Grazie
    gg

  5. Eduardo says:

    Magnifico questo “stare nel reame della sfera cosciente”! Ciao Valerio, ti segua da parecchio tempo, e trovo la tua forma di pensare “elevata” e d’ispirazione . Mi hai fatto riflettere ed ho pensato al fatto che io imparavo facilmente le cose: imparare a guidare per me è stato facilissimo, l’ho imparato quasi da solo! A suonare la chitarra mi ha insegnato un amico velocemente dicendomi di mettere le dita su “questi tasti e queste corde” e ho imparato le note senza sapere il loro “nome” e le combinavo in maniera piacevole, armonica, “d’ispirazione”, (tanto che ho fatto un giro per l’Italia in auto stop con la mia chitarra e mi fermavo a suonare dove capitava e la gente si riuniva intorno, e qualche volta mi chiedevano di suonare ancora “quella canzone”, che per me era impossibile perché lo facevo inconsciamente e quindi non potevo, suonavo qualcosa di simile ma non proprio la stessa.) e cosi molte cose nella vita. Ma non mi è capitato di trovare qualcuno che mi insegnasse a “fare soldi”, magari se lo avessi trovato sarei ricco adesso. Poi mi e “capitata” la “solita” “crisi esistenziale” che capita un po’ a tutti, ed è stata dura rialzarmi, e dopo ho perso questo mio “dono” di imparare tutto facilmente e velocemente. Adesso vorrei fare qualcosa con “questo internet” ed anche per quello ti seguo, ma non so perché la vedo una cosa “pesante”, faticosa. Ho preso il tuo “rendite di emergenza online” e sono “fermo” nel cercare la nicchia, ho fatto “giri” e guardato alcune ma mi sembrano “noiose” e quindi mi viene una noia pensare di mettermi ad scrivere su questi argomenti che non mi piacciono e non so cosa fare, sono bloccato! >E forze “impaurito” non so perché!
    Se avete qualche “illuminazione” da suggerirmi……………..
    Eduardo
    E un saluto anche a te Marco, ti ho “conosciuto” tempo fa, mi sembra insieme a Pier Nicola.

  6. Valerio says:

    Ciao Eduardo, capiamo perfettamente come ti senti, perchè ci siamo passati.

    Quello che ho ripetuto in continuazione è non farsi ‘fregare’ dalla pigrizia o dal senso di ‘sconforto’ che ti assale perchè non trovi la nicchia perfetta. La nicchia perfetta NON ESISTE. Bisogna buttarsi, trovare il compromesso tra passione, media competenza e se possibile denaro circolante in quel settore.

    E’ inutile stare a farsi le seghe mentali, io me le sono fatte per anni senza concludere un bel niente per cui ti dico che l’unico modo per sbloccare la situazione è PARTIRE, anche dalla nicchia piu schifosa che possa esistere, anceh se è una fogna da cui non ci ricavi un soldo. E per un motivo molto semplice:

    Devi imparare a usare gli strumenti, SUBITO, il prima possibile, cose come hosting, wordpress, autoresponder, e varie

    Questo blocco iniziale è un INGANNO. Ti da una scusa per non agire. Io considero la prima nicchia come un campo di addestramento che servirà poi per non reimparare tutto di nuovo in seguito

    Bisogna subito imparare a usare

    – dominio
    – autoresponder
    – blog (wordpress)
    – sistema di consegna digitale

    Oltre a questo bisogna imparare a

    – scrivere lettere di vendita
    – creare prodotti velocemente
    – fare test veloci di mercato

    e tutte queste sono cose che trovi spiegate nei minimi dettagli nel corso da te acquistato, devi solo partire. Certo ci sono OTTIME POSSIBILITA’ che fallirai (come capita a tutti), però ricordati che non puoi fallire per sempre.

    Fallire la prima volta e mollare quello è il vero fallimento.

  7. Nico says:

    Ciao Valerio,

    aggiungo questo mio commento anche se “in ritardo” di un anno! rispetto all’ultimo postato 🙂

    Prima di tutto, voglio ringraziare Marco che tramite i suoi formidabili articoli e il sito ho avuto la possibilità di apprezzare questo, che è il primo dei due.

    Non so se sto scrivendo banalità, ma il tuo appassionato incoraggiamento a non arrendersi – almeno così è come l’ho percepito io – con me ha fatto centro.

    Ora mi è più chiaro che rimandare nel tempo il proprio business online solo quando si è completamente sicuri non va bene.

    E’ come se soffrissi di una strana pachidermatite a partire concretamente!

    La causa? Forse è da ricercare tra i dubbi di crearsi veramente una nuova vita professionale diversa quella da dipendente precario, o peggio, purtroppo, da disoccupato over 30/40.

    Al dire il vero, alcuni fondatissimi visto il panorama di Guru in cui ci si imbatte online…Mi ‘spiace ma a sembra così. Non me ne vogliate.

    Insomma, grazie della scossa!

  8. Nico says:

    Ciao Valerio,

    prima di tutto voglio ringraziare Marco – che seguo da molto tempo – perché tramite i suoi formidabili articoli e il sito ho avuto la possibilità di apprezzare questo tuo, che è il primo dei due.

    Il tuo appassionato incoraggiamento a non arrendersi – almeno così è come l’ho percepito io – con me ha fatto centro.

    Ormai, mi è più chiaro che rimandare nel tempo l’uscita del proprio business online SOLO quando si è completamente sicuri non va bene. In realtà, è SOLO procrastinare.

    E’ come se soffrissi di una strana “pachidermatite” che mi blocca a partire concretamente!

    Forse è perché ho ancora alcuni dubbi che possa riuscire anch’io a crearmi un sostegno economico grazie agli info-prodotti.

    Comunque, grazie della scossa!

  9. Misterzu says:

    d’accordissimo con questo post…

Scrivi il tuo commento, mi interessa!