Ecco come generare “rendite d’emergenza” online

Hai bisogno di "denaro d'emergenza"? Ecco come puoi "crearlo online"

Hai bisogno di “denaro d’emergenza”? Ecco come puoi “crearlo online”

Questa è la seconda puntata dell’articolo di Valerio Conti sul suo sistema di creazione di redditi online con gli infoprodotti (ma è non sono i “soliti infoprodotti”.

Se non l’hai ancora fatto, scarica il suo report gratuito “Super Report Blueprint” ››

Articolo di Valerio Conti

“Come posso generare una ‘rendita d’emergenza’ online?”

Questa è la grande domanda che migliaia di persone in tutta Italia si stanno ponendo in questo periodo di crisi.

Ed ecco la mia risposta: il sistema più rapido, facile, e affidabile che conosco per generare rendite d’emergenza online è questo modello:

“L’esercito dei prodotti da 7 euro”.

Molti marketer hanno già svelato le fondamenta di questo modello di business, ma non sono mai andati oltre l’ABC.

Il risultato è che per la maggior parte delle persone questo sistema non ha mai funzionato, o se ha funzionato è stato faticoso e poco profittevole.

Ho sentito dire ai guru questo per molto tempo:

“Non puoi guadagnare vendendo prodotti a basso costo”

Adesso rido di loro. Normalmente uno pensa, osserviamo cosa fanno i guru, quindi modelliamo il loro comportamento e facciamo le stesse cose.

In questo caso specifico fallirai.

Guru dopo guru, ti diranno tutti che non devi vendere prodotti Low-Cost, perchè in questo modo condizioni il cliente ad apprezzare e comprare prodotti solo a quella fascia di prezzo, e sopratutto li abitui a spendere poco.

Questo è TOTALMENTE falso.

Al 100%. A noi interessa seguire la domanda di mercato, e le “leggi” dei guru del marketing non sempre la seguono.

I vantaggi di questo modello di business

La parte migliore del vendere brevi report low cost è che ottieni facilmente un’alta percentuale di conversione, inoltre, non è difficile creare questo tipo di prodotti. (la maggior parte dei miei prodotti sono ampi meno di 20 pagine e si vendono per cifre comprese tra i 9,95 e i 39,95).

Ma oltre al potenziale di profitto, ci sono anche molte altre ragioni per voler creare questo tipo di prodotti…

  • Sono molto facili da creare; non ci vuole un gran lavoro per realizzarli.
  • Possono essere completati entro un paio di settimane, un paio di giorni, in alcuni casi anche una manciata di ore!
  • Non sono per nulla difficili da commercializzare e non è necessario perdere un sacco di tempo o investimenti per vedere le prime vendite
  • Sono particolarmente adatti per i nuovi marketers (con poca o nessuna esperienza) e sono anche facili generatori di profitto per i marketer piu esperienti
  • Ma soprattutto, ti consentono di ridurre al minimo il tuo rischio, specialmente in tempi di crisi.

Nel business tutto quello che conta sono 2 semplici cose: la tua capacità di gestire il tuo tempo, e la tua capacità di gestire il tuo denaro.

Tutto il resto è contorno. Tutto si riduce alla capacità di gestire sapientemente il denaro e il tempo a nostra disposizione affinchè si abbia un flusso di cassa positivo a fine anno

Il tempo è un bene molto prezioso, soprattutto se hai ancora un lavoro che ti occupa 9-5 ore al giorno.

E sappiamo anche che non tutti i nostri progetti saranno dei sicuri successi. Per la verità noi sappiamo già che il 90% dei nostri progetti saranno un completo flop.

Questa è la realtà contro cui dobbiamo sbattere.

Quindi, se investi tutto il tuo tempo e le tue energie (per mesi o anni) nella creazione di un ebook chilometrico o un super corso lunghissimo, sappi che c’è un altissima probabilità che si possa rivelare un disastro completo, e tu avrai perso tutto quel tempo e la tua energia in quel fiasco senza riuscire a ricavarci un solo euro.

D’altra parte, se tu avessi impiegato solo un paio di settimane per creare un Ebook molto più breve, anche se si fosse rivelato un fiasco, avresti potuto facilmente toglierlo dal mercato e sostituirlo rapidamente con un altro report, migliorato che magari affronta l’argomento sotto altre angolature.

Con questo approccio i rischi sono notevolmente ridotti e le possibilità di tirar fuori un vincitore aumentano notevolmente! Al 90% al terzo tentativo fai centro, e l’operazione ti ha richiesto poco più di un mese di testing.

La sfida è accettare la possibilità di fallire diverse volte. Ma per fallire diverse volte bisogna essere rapidi nella creazione dei nostri prodotti.

E’ meglio creare 10 brevi reports all’anno e aspettarti in anticipo che 2 di questi si rivelino dei fiaschi (il che significa che 8 di essi produrranno piccole rendite passive), piuttosto che ostinarti a creare uno o due immensi ebooks di 400-500 pagine nello stesso anno e rischiare di collezionare per entrambi 2 fallimenti.

E’ un gioco di numeri

Del resto, ci sono anche maggiori possibilità che uno di questi brevi prodotti possa diventare un best seller nel tuo settore se ne hai messo in campo 10, piuttosto che averne solo uno o due.

Ora, diamo un’occhiata al potenziale di profitto…

Se ognuno di questi 8 reports ti porta 1000 euro al mese (risultato più che realistico), i profitti possono alzarsi rapidamente. Se il tuo obiettivo è quello di raggiungere 100.000 euro il prossimo anno, hai una migliore possibilità di farcela con 8-10 reports da 1000 euro al mese ciascuno, invece di basarti su un solo grande ebook per fare 100.000 euro all’anno (quasi impossibile).

E … anche se tu ricavassi poche centinaia di euro al mese da ciascuno degli 8 reports (nelle nicchie più scarse e con poca domanda) questo sarebbe sempre molto meglio di ciò che molte persone stanno guadagnando online in Italia con metodi ormai obsoleti e ad alto rischio (purtroppo ancora diffusi).

Ecco perchè il profitto da questi brevi report sarà assicurato anche in futuro!

  • Puoi offrire ognuno di questo prodotti come backend (followup) dell’altro
  • Puoi impacchettarli tutti insieme più tardi e venderli come prodotto singolo, con una brand differente, pensata per una fascia di prezzo diversa.
  • Puoi usarne alcuni (specialmente se non vendono così bene) come bonus per altri prodotti, per incrementare il valore percepito di questi
  • Puoi anche sfruttare un paio di questi prodotti a scopo puramente di lead generation (darli gratis ai visitatori in cambio dell’email, offrendoli ad altri tuoi competitors in cambio di visibilità, ecc. Il punto è che ti richiede una settimana o due per crearli, il che ti da molte più opzioni tra cui scegliere e maggior flessibilità)

E, per chi è ancora appassionato alla creazione di questi ebook giganteschi, perché non spezzarli in piccoli progetti e iniziare a venderli singolarmente man mano che li completi?

Per esempio, se vuoi creare la guida “definitiva” al “guitar marketing”, potresti iniziare creando un rapido report che tratti di “tecniche di vendita per chitarristi” e venderlo.

Poi ne crei un altro su “come sviluppare un prodotto” per questo target e piazzarlo sul mercato. E così via…

Alla fine, puoi impacchettarli tutti insieme o combinarli in un unico mega “pacco” e offrirli a un prezzo vantaggioso per quei tuoi clienti che desiderano tutto in un unico colpo.

Il tuo tempo è speso molto meglio in questo modo. E… hai anche dei soldi che ti entrano mentre lavori ai tuoi progetti.

Questi piccoli prodotti sono molto più facili da creare, molto più semplici da lanciare, e non ti richiedono grandi investimenti di tempo, energia o denaro, inoltre riducono ogni tuo rischio al minimo.

In più, rappresentano forse il sistema più rapido per diffondere il tuo nome presso tutto il web, e per costruire una solida reputazione che ti darà maggior credibilità con ogni nuovo cliente aquisito.

Morale della favola? Puoi davvero fare soldi con questi reports, a condizione che tu sappia come crearli.

Una volta che hai appreso come fare, passerai dallo status di marketer a quello di “risolutore di problemi”.

Ed ecco la novità.

La gente di qualsiasi mercato odia i marketer. Le persone amano coloro che sono in grado di risolvere problemi.

Come creare brevi report e generare rendite d’emergenza su internet in meno di 7 giorni

Tieni a mente questo: la tua capacità di generare denaro non dipende solo dal governo e dall’andamento dell’economia. Essa dipende principalmente dalla tua capacità di creare degli “asset” produttivi e che arrechino valore e benefici reale alle persone.

Ma soprattutto la tua capacità di produrre reddito dipende dall’abilità di prendere 3 ore della tua giornata e sfruttarle con il sistema che stai per imparare a questa pagina

Per imparare come fare tutto questo, e ottenere strumenti operativi che ti consentono di generare rendite d’emergenza online in tempi ragionevoli visita subito il link qui sotto:

Leggi il Super Report Blueprint ››

Valerio Conti è un italiano che ha deciso di vivere di Internet. Per sapere di più sui suoi metodi e risultati e ricevere il suo ebook gratuito “Strategie d’assalto per guadagnare online” vai su www.valerioconti.com
This entry was posted in COME fare, Infoprodotti, Valerio Conti. Bookmark the permalink.

7 Responses to Ecco come generare “rendite d’emergenza” online

  1. general says:

    Anni fà ho conosciuto il “sistema dei 7 euro” e sono pienamente d’accordo con te che il suo “abc”, di fatto la sua filosofia di base, probabilmente non è stato compreso o comunicato in modo lapalissiano.
    Ricordo che mi aveva entusiasmato la lettura delle spiegazioni del suo principale promotore ed il testo su come creare quei prodotti “veloci e brevi”, lasciava trasparire un potenziale ben più alto di quello che veniva di fatto pubblicizzato dai marketers italiani.
    Credo che leggerò il tuo report con molto interesse 😉

  2. nick says:

    articolo interessante…. io circa un anno fa misi on line una guida al prezzo di 9 euro…. a tutt’oggi mi ritrova una piccola rendita mensile (le vendite sono piu’ o meno costanti) senza dover far piu’ nulla se non rispondere a qualche mail ogni tanto….

  3. Ciao Marco, ciao Valerio! 🙂

    Ho avuto il privilegio di leggere in anteprima questo Super Report di Valerio e posso testimoniare che si tratta di qualcosa di estremamente valido.

    Senza troppi giri di parole, dico solo una cosa: fa una grande promessa (rendite online in tempi ultrarapidi) e la mantiene.
    😉
    1abbraccio a tutti!
    Josè

  4. Simone says:

    Molto interessante questo approccio. GEneralmente senti che tutto cio che ti occorre per convertire è creare 3 prodotti con fasce di prezzo differenti. Strategia efficace, ma non per forza unica. Grazie per averci fornito quest’ulteriore spunto. 🙂

  5. Massimiliano says:

    Molto interessante. Proverò anche io!

  6. Francesco says:

    Buonasera, Valerio.

    La mia domanda è più specifica rispetto al tema trattato nell’articolo.

    Vorrei capire quali adempimenti burocratici e oneri fiscali sono previsti per diventare un venditore di infoprodotti.

    Ho visto che molti tuoi “colleghi” hanno la sede della propria attività all’estero, mentre la tua è in Italia.

    Io sono già libero professionista con Partita IVA e lavoro in Italia.

    Il mio commercialista non ne sa molto, io ho iniziato ad informarmi.

    Se ho capito bene:

    – sarei equiparato a un “prestatore di servizi”.

    – con obbligo di fattura (da consegnare al cliente solo su sua richiesta?).

    – IVA al 22%

    – una serie di “spese fisse” indipendenti dal fatturato, che renderebbero poco conveniente l’attività sotto una certa soglia di fatturato (sempre secondo quanto accennato dal mio commercialista).

    Mi sarebbe utile un chiarimento in merito. Grazie.

    Francesco

    • Marco De Veglia says:

      Mi dispiace, ma non ho le competenze per darti una risposta. Non abito neanche in Italia.

Scrivi il tuo commento, mi interessa!